TUTTO IL BENESSERE DELL’ACQUA

È tempo d’estate, pensiamo tutti inevitabilmente a rimetterci in forma prima della prova costume, rinunce e sacrifici alimentari si fanno strada nella vita quotidiana, no zuccheri, no grassi, molta frutta, verdura e cibi light. In questa guerra al kilo di troppo, spesso non diamo importanza a ciò che beviamo, se lo beviamo… E’ per questo che vogli parlarvi di un acqua speciale che può accompagnarci ogni giorno in qualsiasi momento, un acqua che grazie alla sua azione detossificante dona bellezza e benessere.

Foto1

Nella Regione del Parco delle Alpi Apuane, riconosciuto come Patrimonio dell’Unesco, si trova un piccolo borgo situato a 300 metri di altitudine in un microclima unico: San Carlo Terme. La vista dal borgo abbraccia il tratto di mare che va dalla foce del fiume Magra, fino a Livorno, alle spalle di questo paesaggio si ergono le vette aguzze delle Apuane mentre il litorale della Versilia fa da cornice.  I nome San Carlo Terme lo si deve a Carlo Borromeo, che passando per Massa in condizioni di salute precarie, decise di seguire una cura idropinica con la “miracolosa” acqua, dalla quale trasse grandi benefici.

1

(archivio storico)

Dopo tale periodo, per ritrovare i primi studi sulle proprietà dell’Acqua San Carlo dobbiamo risalire agli inizi del Novecento, fu infatti il dottor Nicola Zonder che scoprì le virtù e le proprietà terapeutiche di questa preziosa acqua, tanto che dopo i suoi studi sperimentali e clinici venne definita “un’acqua straordinaria”.

4

L’ unicità delle caratteristiche dell’acqua San Carlo e le sue proprietà chimico-fisiche, la rendono l’Acqua per eccellenza atta a svolgere una funzione depurativa e drenante dell’organismo per questo viene definita Istofila, cioè stesso ph e la stessa composizione salina dei tessuti umani. Il residuo fisso di 56 mg/l, ph 5,72, durezza totale 1,7, sono peculiarità che la rendono efficace nella cura dei disturbi renali e delle malattie dell’apparato urinario (calcolosi delle vie urinarie, renella, cistiti). Ricca di ossigeno, quindi efficace nei disturbi propri dell’età avanzata (rallentamento del ricambio, insufficienza metabolica), così come in gravidanza, convalescenza, stati post-operatori, casi di ipertensione arteriosa, inoltre è ideale per chi soffre di stitichezza cronica, colon irritabile, sovrappeso.

 

 

2

(archivio storico)

I ritmi della vita moderna portano spesso ad alterazioni della funzionalità digestiva, il clima temperato e la tranquillità delle Terme di San Carlo, in associazione alla terapia idropinica, rappresentano un ottima prevenzione contro tali disturbi, pertanto non resta che recarsi in questo piccolo angolo di paradiso dove l’ Acqua San Carlo viene imbottigliata esclusivamente in contenitori di vetro a garanzia del mantenimento delle proprietà chimico-fisiche, microbiologiche ed organolettiche dell’acqua ed è disponibile nei formati 25cl,75cl e 100cl.

 

(foto scattate presso www.casaleamati.com)

Quest’ estate ma non solo, accertiamoci sempre che ciò che beviamo sia utile al nostro benessere e che abbia proprietà salutari, non dimentichiamo di bere almeno due litri di acqua al giorno senza aspettare di avere sete, è un ottima abitudine che aiuterà anche per la prova costume oramai alle porte!!!

Foro2

(opere in marmo realizzate da http://www.chiccochiari.it)

BEBE’

(per info contattami)

 

PS: anche la mia gitana preferita parla di acqua San Carlo… (www.agipsyinthekitchen.com/2018/06/sane-e-in-forma-con-un-acqua-speciale.html)

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

Annunci

BEAUTY LUXORY

I sogni son desideri cantava una canzone, ed è proprio così, i sogni uniti alla determinazione e alla volontà si realizzano, a volte anche inaspettatamente… come è accaduto a me!

Per una persona amante del mondo Beauty uno dei desideri massimi è quello di poter accedere a trattamenti esclusivi nelle più belle e prestigiose Spa del mondo, ammetto che nell’arco della mia carriera ne ho visitate molte, ma come quella che ieri mi ha aperto le porte mai. Sto parlando del Four Seasons Hotel di Firenze, catena alberghiera di maggior lusso e prestigio del mondo all’interno del Palazzo della Gherardesca in pieno centro a Firenze, dove si respira arte, cultura e storia, circondati da un magnifico giardino incantato.

cq5dam.web.637.358

THE SPA si trova a due passi dall’ hotel con vista sul giardino, un connubio perfetto tra benessere e lusso, luogo nel quale tutto è costruito ad arte per farti entrare in una dimensione di totale relax, confort ed impeccabile servizio rendono l’ambiente estremamente accogliente, proprio come sentirsi at home.

35

AL mio ingresso vengo accolta dall’ addetta al ricevimento che prontamente mi chiede di compilare un life style questionnaire, dove devo indicare specificità che mi riguardano, nel frattempo mi vengono offerte una tisana di benvenuto e una salvietta per la detersione delle mani calda e profumata all’ essenza di rosa. Terminato l’iter burocratico, la Spa Attendant mi accompagna nella zona spogliatoio, me ne illustra il funzionamento (armadietto con chiusura a codice) e mi dice che appena sarò pronta la terapista a me assegnata si prenderà cura di me, già questo mi induce al relax.

Così è, la terapista a me dedicata mi accompagna nella cabina Melograno, dove un bellissimo disegno sul muro, realizzato da Lucilla di Poesia 21 (www.poesia21.com) riproduce appunto un ramo dell’albero del prezioso frutto, mi adagio su di un lettino trattamenti a dir poco principesco, che mi accoglie proprio come il più confortevole dei letti facendomi dimenticare di essere lì per un trattamento.

Sono stata invitata in questo luogo meraviglioso per testare i prodotti dell’Officina del Profumo Farmaceutica di Santa Maria Novella, che ebbe i suoi natali nel lontano 1221 per opera dei frati domenicani. Essi amavano coltivare, negli orti del convento, erbe officinali che venivano utilizzate per preparare medicamenti, balsami e pomate. Ancora oggi nella nuova e moderna azienda conosciuta in tutto il mondo, vengono utilizzate materie prime della più alta qualità ma soprattutto vengono rispettati i procedimenti artigianali appartenuti ai frati domenicani.

24

Il rituale corpo a base di olio e polvere d’ Iris, è uno de due trattamenti Signature che andrò a provare, entrambe verranno eseguiti con l’utilizzo dei prodotti cosmetici dell’Officina di Santa Maria Novella (www.smnovella.it) fautori di questo bellissimo regalo.

Prima di iniziare il trattamento mi vengono illustrati i prodotti che verranno utilizzati: un prezioso olio corpo a base di estratto di Iris, una polvere di Ireos, estratta dall’ iris anch’essa, per lo scrub, la crema idrasol (fortemente idratante) e la crema all’ Arnica (contro le contratture muscolari), mix che andrà a completare il trattamento.

Il rituale inizia con il preparare la pelle di tutto il corpo con calde compresse di spugna imbevute di acqua di rose, poi è la volta dell’olio profumato all’ Iris mescolato alla sua stessa polvere, le mani della terapista eseguono movimenti ripetuti e continui che trasformeranno la mia pelle in seta preziosa. Terminato lo scrub, mi preparo per la parte più curativa del trattamento: l impacco corpo con la crema Idrasol dall’ effetto idratante.

Passato il tempo di posa dell’impacco segue l’ultimo steep del trattamento, quello più rilassante: il massaggio. La crema idratante in eccesso viene integrata nuovamente con olio di Iris e con crema all’ Arnica per alleviare le tensioni muscolari, mi perdo una vera e propria estasi dei sensi.

Terminato il rituale vengo accompagnata nella sala relax, un suntuoso salotto con vista sul giardino, dove poter sorseggiare la propria tisana in totale privacy e relax.

Passati circa dieci minuti mi viene incontro un’altra operatrice, pronta per il mio secondo trattamento Signature dedicato al viso. Mi accomodo nuovamente nella mia cabina Melograno, una volta “sotto le coperte” l’operatrice mi deterge il viso con un morbidissimo latte de toilette il cui ingrediente principale è l’olio di jojoba, che mi viene deterso con morbidissimi asciugamani di spugna caldi, poi è la volta della tonificazione con face relaxing water, un mix di quattro acque floreali distillate a base di aloe, ed estratto di echinacea. Siamo arrivati al peeling enzimatico, passaggio necessario per preparare la pelle alla maschera che verrà subito dopo. Il peeling enzimatico che, mi spiegano, ha una doppia azione pulente, una meccanica dovuta al movimento delle particelle sferiche di cui è composto e l’altra enzimatica per la presenza appunto di enzimi che degradano selettivamente la cheratina dello strato corneo.

Durante i 10’ di posa del peeling, mi viene effettuato bellissimo massaggio al cuoio capelluto, una favola.

Eliminato il peeling, mi viene applicata Idralia, uno dei fiori all’ occhiello della linea SMN, prodotto che riscuote moltissimo successo anche all’ estero, una crema idratante e protettiva non grassa, viso, collo e decolleté che contiene olio di avocado, estratto di mughetto giapponese ed estratto di carruba.

Finalmente è il momento della maschera, la sua fama l’ha preceduta, quindi non vedo l’ora di provarla.

Le sapienti mani dell’operatrice preparano una preziosa pozione a base di alginato e soluzione antirughe con estratti di curcuma, maggiorana ed echinacea note per le loro proprietà elasticizzanti sul derma. La risultante mi verrà applicata sul volto per circa 15/20 minuti nell’ attesa che gli ingredienti abbiano l’effetto desiderato e che il tutto si trasformi in un calco.

Quello che segue durante la posa della maschera è un trattamento da vere regine, mani e piedi vengono “imburrati” di pasta di mandorle, una crema dalle proprietà emollienti e nutrienti grazie all’ olio di mandorle dolci, cera d’ api, amido di riso, tuorlo d’ ovo e glicerina vegetale, si prende cura della pelle delle estremità del corpo, notoriamente più secca.

Devo ammettere che comincio a comprendere quanto sia estremamente piacevole la vita delle principesse!!!

Il mio rituale è quasi giunto al termine, un ultimo massaggio al viso con olio nutriente notte ricco di preziosi ingredienti: vitamina E, vitamina A, vitamina F, olio di macadamia ed estratto di polline, un vero e proprio siero di bellezza emolliente ed idratante, che dona al viso elasticità e luminosità, per chiudere in bellezza!

Ahimè è giunta l’ora di ritornare alla dura realtà, un ultima passeggiata tra le opere d’ arte esposte nel parco, una breve sosta su di una panchina al sole e sono pronta per il mio rientro at home, sicuramente camminando un metro da terra per la felicità ma certamente anche più bella grazie alle sapienti mani delle terapiste e ai preziosi prodotti utilizzati.

Ringrazio l’Officina del Profumo di Santa Maria Novella per la splendida ed indimenticabile Beauty Exerience.

 

 

BEBE’

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’ estate sta finendo….

Eccomi di nuovo qua cari amici, l’estate volge al termine e con essa anche il mio principale impegno lavorativo, mi siete mancati, ma soprattutto mi è mancato scrivere e raccontarvi le mie avventure e i miei Beauty incontri.

L’ estate sta finendo cantava un famoso gruppo degli anni 80’ ed è proprio così purtroppo, quando arriva settembre, benché sia un mese che adoro, nasce in me molta malinconia, il freddo e lungo inverno non si faranno attendere, per non parlare della pioggia…. Non posso farci nulla io adoro l’estate, il caldo, il sole ed il mare, tanto che in questo periodo migrerei verso terre lontane per farmi ancora baciare dai caldi raggi di sole….

Però purtroppo o per fortuna, sono qui e quindi vi anticipo alcune novità che riguarderanno il mio Blog ed il mondo della bellezza da me tanto amato.

Innanzitutto vi svelerò tutti i segreti di una linea cosmetica che in Italia non è ancora conosciuta e che promette miracoli a base di vitamina C, grande alleata della nostra bellezza nonché salute.

Si tratta di una linea biologica naturalmente, con grandi potenzialità e grandi risultati, sono felice di essere stata contattata da questa azienda made in UK, per testarla e per capirne il valore, ma non sarò sola a godere di tali benefici, prometto che condividerò tutto con voi 😊

… e poi novità delle novità, per accrescere ancor di più il mio bagaglio culturale riguardante il mondo Beauty e soddisfare tutte le vostre richieste, ho deciso di iscrivermi alla Scuola di Naturopatia a Milano!!! Sarà un impegno di quattro anni (aiutatemi ☹), che mi guiderà alla scoperta di numerose materie: medicina cinese, fitoterapia, riflessologia, alimentazione, iridologia e tanto altro ancora, sono entusiasta non vedo l’ora che comincino le lezioni a novembre, vi terrò informati!!!

Ora però voglio raccontarvi un altro interessantissimo Beauty incontro fatto quest’ estate: chiudete gli occhi ed immaginate una distesa di lavanda, il suo profumo inebriante e leggermente pungente che entra nell’ anima, un colore viola intenso capace di donare un immediata sensazione di relax e benessere…. insomma un incontro che profuma di Sweetlavanda.

 

IMG_6875

 

Marina Fontanelli, una giovane fashion blogger Toscana che nel suo blog www.sweetlavanda.it  coniuga perfettamente il suo essere Mommy con il mondo della bellezza e della moda.
Marina è mamma di una bimba bellissima, Nina, che scandisce le giornate sue e di suo marito, durante le quali Marina riesce a dispensare sul suo blog consigli di bellezza, moda e anche ciò che può essere utile a tutte le mamme di petit bebè come la sua.
Ho avuto modo di incontrare Marina per lavoro, questa volta mi sono occupata io della sua bellezza (a dire il vero è bastato veramente poco ) grandi occhi azzurri, capelli biondi e una simpatia nonché dolcezza inusuali nel mondo patinato.
L’ empatia è stata immediata e una piacevole scoperta conoscerla, spero attraverso la mia intervista di riuscire a trasmettervi le emozioni che l’ incontro con Marina mi ha regalato.
FullSizeRender 3

B: Marina, quando hai deciso di diventare una blogger e perché

M: Ho aperto il blog con lo scopo di dare consigli di bellezza e benessere, d’altronde era quello che già facevo, avendo fatto per anni l’estetista, prima di dedicarmi completamente al trucco come truccatrice. Mi affascina molto il mondo del beauty e la sensazione di far star bene gli altri è per me molto appagante.
Quindi dare dei consigli utili, che possano in un certo senso risolvere dubbi mi dà un’immensa gioia.

B: Noi donne spesso siamo oberate di impegni, soprattutto quando come te, diventiamo mamme. Come coniughi il tuo lavoro/passione con i ritmi di Nina (ndr la sua bellissima bambina)

 M: Non è semplice, spesso mi ritrovo a lavorare la notte, o durante il suo sonnellino pomeridiano. Cerco di ottimizzare, così facendo non la privo delle attenzioni che richiede, più il tempo passa e più ne necessita, giustamente. È sempre più curiosa, vuole esplorare e conoscere il mondo, io mi sento di doverla accontentare, da mamma, fino a quando mi sarà possibile.

B: raccontaci la tua giornata tipo

M: La mia giornata tipo ruota tutta intorno ai ritmi di Nina, e ai suoi pisolini :).
La sveglia suona per tutti verso le 7,30. Il Babbo si alza prende il caffè e fa la doccia, io resto nel letto, e visto che Nina di solito continua a dormire (sì ho la bambina dormigliona :)), ne approfitto per controllare le mail e pubblicare qualche condivisione sui social.
Nina di solito si sveglia dopo le 9, la cambio e andiamo a fare colazione insieme, dopo di che, giochiamo un po’, o a seconda degli impegni, andiamo a fare qualche commissione in quel di Certaldo (comune nelle colline del Chianti).  Per pranzo aspettiamo il babbo Andrea e pranziamo insieme. Verso le 15 arriva il tanto atteso pisolino pomeridiano di Nina, ed io mi dedico intensamente al lavoro, poi quando  la piccola di nuovo si sveglia di solito andiamo a camminare, o a fare spesa.
Cena, ore 20,30 circa, appena arriva papà Andrea, dopo cena Nina si addormenta verso le 22, ed è qui che inizia il mio vero lavoro!!!

IMG_7228 2

B: Quale filosofia di vita cerchi di trasmettere attraverso i tuoi post e i tuoi articoli

M: Spero che dà i miei post venga fuori la mia personalità, cerco di essere piuttosto ironica e di avere un approccio molto “easy” verso la vita. Credo che i problemi e i malumori siamo due cose negative e difficili da evitare, ma soprattutto purtroppo sono sempre in agguato dietro l’angolo. Quindi cerco sempre di essere portatrice di buon umore e dell’allegria che vanno spesso a braccetto con la bellezza, peccato che benchè la bellezza sia  ovunque, molte persone non riescono a vederla”, è ciò che scrivo spesso sul mio blog.

IMG_5608

B: : Sweetlavanda (sweetlavanda.it), è il nome del tuo seguitissimo blog, come è nata questa idea e perché hai scelto un nome cosi romantico

M: Adoro la Lavanda, il suo profumo, i campi in fiore mi portano alla mente la Provenza. Ho arredato la mia casa sullo stile provenzale, mi piace il vivere country. E poi Sweet Lavanda suona così bene! Non trovi??!

B:  Sei una persona solare, sensibile e diretta, credi che ciò sia fondamentale per avere successo, o l’essere se stessi pensi che sia la strada più ardua da percorrere per ottenere ciò che si desidera

M: Si, non si può fingere di essere chi non siamo, se lo facessi verrei smascherata, e perderei di credibilità! La rete non perdona!!

IMG_6695
B: Come ha cambiato la tua vita l’arrivo di Nina e in cosa soprattutto

M: Un figlio ti cambia,cambia tutto. Le tue priorità magicamente si spostano in un altro ordine. Ti scopri una leonessa, vieni a conoscenza di lati del carattere che mai avresti conosciuto.
Sono curiosa di vivere questa nuova vita a tre.

B: cosa sognavi di diventare da piccola

M: Ah ha, ti faccio ridere, volevo fare l’Accademia Aeronautica a Forlì. DIVENTARE PILOTA!!!

B: Ti sposti molto per lavoro,  immagino tu abbia molti ricordi, qual’ è quello che ami di più e perchè

M: Sono molto sensibile, ogni viaggio mi lascia qualcosa. Sono un’osservatrice non tralascio i dettagli. Porto nel cuore pezzi di vita, attimi, ricordi che mi arricchiscono. Ogni persona nuova che ho conosciuto mi  ha arricchito. È il bello di questo lavoro. Sono felice di averti conosciuta Vanessa.

 B: quali sono i tuoi progetti futuri

M: Ho delle novità per il prossimo 2017-2018. Nuove idee e progetti in fase di elaborazione

IMG_5554

 

Grazie Marina per il bellissimo complimento che mi ha fatto arrossire, in effetti condivido con te che la ricchezza maggiore sta nel patrimonio dell’umanità in tutta la sua bellezza!!!

img_3803

 

BEBE’

PS: un bacio al bellissimo Zeno che corra felice nei prati azzurri!

 

 

DO YOU KNOW MARINA DI GUARDO?

La vita è meravigliosa titolava un famoso film del 1946, ed io aggiungerei anche inaspettata ricca di sorprese e di incontri “fatali”, quegli incontri alchemici che non sai spiegarti, ma che tangibilmente si creano…. Questo è ciò che mi è accaduto quando ho conosciuto Marina di Guardo.

Recentemente mi trovavo a Milano in occasione della fiera Esxence dedicata al mondo delle fragranze, curiosando qua e là tra gli stand mi accorsi della presenza di una sala conferenze che proponeva un nutrito programma di appuntamenti per quella giornata. Un argomento su tutti solleticò la mia innata curiosità a causa del titolo che induceva ad una riflessione: “che profumo ha la tua scrittura”.

In quel preciso istante pensai appunto che profumo potesse avere la mia scrittura e quindi per riuscire a saperne di più non potei far altro che varcare la soglia, cosi feci.

Davanti ad un parterre cosi nutrito di scrittrici, tutte donne, non si poteva che rimanere incantati; cultura, passione, talento, personalità e bellezza erano il fil rouge che legava ognuna di esse, cosi come i loro racconti fatti di episodi di vita vissuta e di determinazione.

Una di esse in particolare mi colpì, ammetto che non avevo idea di chi potesse essere, ma i suoi modi eleganti, la sua dolcezza e il suo sorriso non potevano passare inosservati, Marina è tutto questo e molto di più….

_F2V5156 copia

B: Indubbiamente Marina è una bella donna, occhi luminosi azzurro cielo, elegante come poche donne sanno essere, forse anche grazie agli anni passati lavorando per Blumarine, ma soprattutto dolce e umile nonostante il successo. Siciliana di nascita ma cremonese di adozione, quali erano i tuoi desideri di gioventù, immaginavi già di diventare una nota scrittrice o ti vedevi proiettata nello showbiz della moda?

M: In realtà, già da bambina sognavo di diventare una scrittrice. Sono sempre stata dotata di grande immaginazione e nei lunghi viaggi verso la Sicilia con la mia famiglia immaginavo storie che mi astraessero dalla realtà. I paesaggi, i profumi, i colori che percepivo dai finestrini abbassati dell’auto mi ispiravano e mi raccontavano innumerevoli personaggi e vicende.

B: Madre di tre figlie femmine, separata come molte donne d’oggi purtroppo o per fortuna. Quali sono stati i sacrifici personali che hai dovuto affrontare per essere una madre fortemente presente come sei e allo stesso tempo donna determinata e di successo nel lavoro.

FullSizeRender-2 copia

M:Una volta separata, ho dovuto scegliere se andare a vivere a Milano o rimanere a Cremona. Le mie ragazze all’epoca erano abbastanza piccole e non volevano staccarsi dall’ambiente in cui erano cresciute. Ho scelto quindi di non sradicarle e rinunciare alle mie velleità di carriera. Questo mi ha molto penalizzato da un lato ma, in questo modo, ho potuto seguire meglio le mie figlie e realizzare il sogno di diventare scrittrice.

B: Raccontaci che tipo di madre sei e quali sono i valori per te più importanti che hai cercato di trasmettere alle tue ragazze

M: Sono una madre molto presente, a volte forse un pò rompiscatole. Voglio sempre essere al corrente di tutti gli spostamenti delle mie ragazze, della loro vita, dei loro problemi. A volte, loro si ribellano, ma alla fine credo siano contente della mia presenza costante. I valori che ho insegnato? La lealtà, la chiarezza, l’onestà. Per me non sono mai passati di moda

B: La famiglia Ferragni/Di Guardo è indubbiamente una famiglia famosa, composta da sole donne. Pensi che il potere delle donne sia forte anche ai giorni d’ oggi, nonostante gli innumerevoli episodi di violenza di cui ogni giorno sentiamo parlare?

M: Credo che oggigiorno le donne siano in grado di poter disporre della propria vita, grazie all’indipendenza economica che molte hanno raggiunto e alla consapevolezza di essere autonome e in grado di poter decidere. Forse, è proprio per questo che alcuni uomini si sentono minacciati e reagiscono nel modo plateale e aberrante che apprendiamo ogni giorno dai giornali e dai notiziari.

B: Ad un certo punto nella tua vita decidi di diventare una blogger di viaggi, seguendo a ruota tua figlia Chiara Ferragni (nota web influencer). Perché hai scelto di raccontare le tue avventure in giro per il mondo?

M: Ho aperto il mio travel blog qualche anno fa. Mi incuriosiva l’idea di raccontare i viaggi che avevo fatto e, essendo appassionata anche di fotografia, di pubblicare le foto dei luoghi visitati. Dopo essermi dedicata a tempo pieno alla scrittura, ho iniziato a trascurare il mio Thetravelpassion. Mi è dispiaciuto molto, ma ho deciso di dedicare tutto il mio tempo alla mia passione più grande: raccontare storie.

B: Nel 2012 le tue ragazze, oramai grandi, ti esortano a cimentarti nella scrittura e quindi a rispolverare quel sogno nel cassetto: scrivere un romanzo. Nasce così “l’inganno della seduzione”. Dall’ edizione di quel libro ad oggi, in cosa è cambiata Marina Di Guardo come donna e come scrittrice.

_DSC6550b

M: Quando ho ricevuto la mail di Nulla Die, una piccola casa editrice indipendente che mi confermava l’interesse per il mio manoscritto, ero felicissima. Quello era il primo passo verso la possibile realizzazione di un sogno. Da allora, ho imparato e cerco di imparare sempre di più ogni giorno.

B: Due delle tue tre figlie sono personaggi pubblici famosi, Chiara e Valentina. Chiara senza ombra di dubbio ha fatto da apripista alla sorella che sta comunque raggiungendo il successo. Vederle continuamente sui social e sulle riviste patinate, sempre sotto gli sguardi di milioni di fans, come ti ha fatto sentire e quali preoccupazioni ha destato in te questo clamore.

M: Chiara e Valentina stanno facendo carriera, realizzando ognuna i propri progetti e questo mi basta. Sono adulte e in grado di gestirsi da sole. Per me, l’aspetto più importante.

B: Torniamo ai tuoi libri. Come nasce in te l’idea di un romanzo e quando decidi che è arrivato il momento di scriverlo.

M: Comincio a sentirmi ispirata da un luogo, da un’atmosfera. Pian piano si fanno strada dentro di me i personaggi e le loro caratteristiche, positive e negative. Quindi, penso al senso della storia che voglio raccontare e a un finale che faccia quadrare tutto, lasciando il lettore senza fiato.

B: Ad una neofita come me che sogna un giorno di scrivere una storia appassionante, quali consigli daresti e soprattutto quali sono secondo te gli errori comuni che si fanno e che andrebbero evitati durante la stesura di un romanzo.

M:Si potrebbe iniziare da questi tre importanti capisaldi: avere ben chiara dentro di sé la storia che si vuole raccontare, non essere noiosi e prolissi e mettersi nei panni del lettore.

B: Dove e come ti vedi fra 10 anni

M: Oddio, non voglio pensarci! Non essendo una ragazzina già adesso, non mi fa molto piacere pensarmi fra dieci anni. Spero solo di essere in un luogo piacevole e con un buon clima, entusiasta della vita e con tanti progetti da portare avanti.

B: Ad una donna affascinante e di successo come te, non posso evitare di chiedere quale importanza dai alla bellezza e che quale significato ha secondo te nella società moderna

M: Grazie per le tue affermazioni, te ne sono grata! Certo, la bellezza può essere un vantaggio, ma anche una maledizione. Non bisogna approfittarne, dando per scontato che ogni occasione arrivi con più facilità solo perché si è dotati di un aspetto piacevole. Come per chiunque, i risultati devono arrivare con la fatica e l’impegno.

B: Sei in tournée in giro per l’Italia per la presentazione del tu ultimo romanzo “Come è giusto che sia”, un noir che parla anche di violenza sulle donne. Come descrivi questo libro e quale messaggio hai voluto trasmettere ai lettori.

M: E’ un libro duro, che non fa sconti, avvincente, ricco di suspence, ma anche di spunti di riflessione. Una storia dedicata a tutte le donne ma che non tralascia di intrigare anche i miei lettori di sesso maschile. E di questo non posso che esserne contenta.

B: Cosa ama fare Marina nel suo tempo libero

M: Amo leggere, passeggiare, e fare sport.

FullSizeRender copia 2

B: Per terminare, se tu fossi un libro che storia vorresti raccontare

M: La storia di una bambina molto sensibile e insicura che da adulta non smette di esserlo, ma che non rinuncia ad affrontare le proprie paure.

Lascio i dolcissimi occhi di Marina che rivedrò presto, a Maggio in occasione di una serata speciale a Lugano… che vi racconterò!

To be continued

Bebè

Questo slideshow richiede JavaScript.

” Marmo & Convitto” afther….

Si è concluso con successo e nutrita partecipazione l’ evento “Marmo & Convitto”,  un viaggio polisensoriale alla scoperta del territorio Apuano e delle sue eccellenze, protagonista assoluto della serata il MARMO, prezioso materiale di cui le Alpi Apuane sono custodi.

Ospiti della serata alcuni nomi eccellenti del territorio: Chicco Chiari scultore, con le sue opere iconiche dedicate agli anni 80′ come  Packman, il fantasmino del gioco elettronico popolare in quegli anni (www.chiccochiari.it), Riccardo Nicolai autore del libro “Ali Piccinin” che racconta le gesta  di Ali, cittadino Massese, che divenne  pascià di Algeri (https://www.facebook.com/ricalb.nicolai?fref=ts) e Marco Mariani chef (://www.facebook.com/marco.mariani.9026?fref=tse) che ha deliziato i partecipanti con creazioni culinarie ideate utilizzando materie prime locali,  come il famoso Lardo Di Colonnata, salume che vede la sua “maturazione” in apposite conche di marmo.

Per concludere, presentati e descritti da Vanessa Parducci (che sarei io :-), i  Profumi del Marmo, cinque inebrianti fragranze eau de parfum unisex, ciascuna dedicata ad una tipologia di marmo: Calacatta, l’ essenza delle giornate estive, gelsomino, fiori di pesco e viola, Statuario, il più puro e limpido dei marmi, che racchiude un cuore di agrumi, Arabescato dalle note esotiche di ambra e miele o ancora il sofisticato Bianco Carrara, con le note di zafferano e ginger per  poi terminare con il più prezioso e raffinato dei marmi, il Portoro caratterizzato dall’ ambra grigia,  legni ed il patchouly.

Ogni confezione di fragranza è impreziosita da un cabochon di marmo, da cui il nome, una vera e propria scultura di design, uno scrigno prezioso che racchiude una profumazione unica creata da uno dei più famosi nasi al mondo: Arturetto Landi.

Il mix tra cultura e food  ha avuto luogo in uno dei più antichi locali della cittadina, situato nel centro storico di Massa, il Convitto ristorante (www.convitto.eu). In un ambiente elegantemente  retrò, circondati da abiti e accessori firmati dai più importanti stilisti di moda ed immersi in un  arredamento radical chic, gli ospiti hanno potuto godere della serata respirando un atmosfera piacevole e ricca di contenuti.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla serata, ma soprattutto ringrazio i miei “compagni di avventure” Chicco, Riccardo, Sabrina e Maurizio, senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile.

Bebè

Questo slideshow richiede JavaScript.