L’ estate sta finendo….

Eccomi di nuovo qua cari amici, l’estate volge al termine e con essa anche il mio principale impegno lavorativo, mi siete mancati, ma soprattutto mi è mancato scrivere e raccontarvi le mie avventure e i miei Beauty incontri.

L’ estate sta finendo cantava un famoso gruppo degli anni 80’ ed è proprio così purtroppo, quando arriva settembre, benché sia un mese che adoro, nasce in me molta malinconia, il freddo e lungo inverno non si faranno attendere, per non parlare della pioggia…. Non posso farci nulla io adoro l’estate, il caldo, il sole ed il mare, tanto che in questo periodo migrerei verso terre lontane per farmi ancora baciare dai caldi raggi di sole….

Però purtroppo o per fortuna, sono qui e quindi vi anticipo alcune novità che riguarderanno il mio Blog ed il mondo della bellezza da me tanto amato.

Innanzitutto vi svelerò tutti i segreti di una linea cosmetica che in Italia non è ancora conosciuta e che promette miracoli a base di vitamina C, grande alleata della nostra bellezza nonché salute.

Si tratta di una linea biologica naturalmente, con grandi potenzialità e grandi risultati, sono felice di essere stata contattata da questa azienda made in UK, per testarla e per capirne il valore, ma non sarò sola a godere di tali benefici, prometto che condividerò tutto con voi 😊

… e poi novità delle novità, per accrescere ancor di più il mio bagaglio culturale riguardante il mondo Beauty e soddisfare tutte le vostre richieste, ho deciso di iscrivermi alla Scuola di Naturopatia a Milano!!! Sarà un impegno di quattro anni (aiutatemi ☹), che mi guiderà alla scoperta di numerose materie: medicina cinese, fitoterapia, riflessologia, alimentazione, iridologia e tanto altro ancora, sono entusiasta non vedo l’ora che comincino le lezioni a novembre, vi terrò informati!!!

Ora però voglio raccontarvi un altro interessantissimo Beauty incontro fatto quest’ estate: chiudete gli occhi ed immaginate una distesa di lavanda, il suo profumo inebriante e leggermente pungente che entra nell’ anima, un colore viola intenso capace di donare un immediata sensazione di relax e benessere…. insomma un incontro che profuma di Sweetlavanda.

 

IMG_6875

 

Marina Fontanelli, una giovane fashion blogger Toscana che nel suo blog www.sweetlavanda.it  coniuga perfettamente il suo essere Mommy con il mondo della bellezza e della moda.
Marina è mamma di una bimba bellissima, Nina, che scandisce le giornate sue e di suo marito, durante le quali Marina riesce a dispensare sul suo blog consigli di bellezza, moda e anche ciò che può essere utile a tutte le mamme di petit bebè come la sua.
Ho avuto modo di incontrare Marina per lavoro, questa volta mi sono occupata io della sua bellezza (a dire il vero è bastato veramente poco ) grandi occhi azzurri, capelli biondi e una simpatia nonché dolcezza inusuali nel mondo patinato.
L’ empatia è stata immediata e una piacevole scoperta conoscerla, spero attraverso la mia intervista di riuscire a trasmettervi le emozioni che l’ incontro con Marina mi ha regalato.
FullSizeRender 3

B: Marina, quando hai deciso di diventare una blogger e perché

M: Ho aperto il blog con lo scopo di dare consigli di bellezza e benessere, d’altronde era quello che già facevo, avendo fatto per anni l’estetista, prima di dedicarmi completamente al trucco come truccatrice. Mi affascina molto il mondo del beauty e la sensazione di far star bene gli altri è per me molto appagante.
Quindi dare dei consigli utili, che possano in un certo senso risolvere dubbi mi dà un’immensa gioia.

B: Noi donne spesso siamo oberate di impegni, soprattutto quando come te, diventiamo mamme. Come coniughi il tuo lavoro/passione con i ritmi di Nina (ndr la sua bellissima bambina)

 M: Non è semplice, spesso mi ritrovo a lavorare la notte, o durante il suo sonnellino pomeridiano. Cerco di ottimizzare, così facendo non la privo delle attenzioni che richiede, più il tempo passa e più ne necessita, giustamente. È sempre più curiosa, vuole esplorare e conoscere il mondo, io mi sento di doverla accontentare, da mamma, fino a quando mi sarà possibile.

B: raccontaci la tua giornata tipo

M: La mia giornata tipo ruota tutta intorno ai ritmi di Nina, e ai suoi pisolini :).
La sveglia suona per tutti verso le 7,30. Il Babbo si alza prende il caffè e fa la doccia, io resto nel letto, e visto che Nina di solito continua a dormire (sì ho la bambina dormigliona :)), ne approfitto per controllare le mail e pubblicare qualche condivisione sui social.
Nina di solito si sveglia dopo le 9, la cambio e andiamo a fare colazione insieme, dopo di che, giochiamo un po’, o a seconda degli impegni, andiamo a fare qualche commissione in quel di Certaldo (comune nelle colline del Chianti).  Per pranzo aspettiamo il babbo Andrea e pranziamo insieme. Verso le 15 arriva il tanto atteso pisolino pomeridiano di Nina, ed io mi dedico intensamente al lavoro, poi quando  la piccola di nuovo si sveglia di solito andiamo a camminare, o a fare spesa.
Cena, ore 20,30 circa, appena arriva papà Andrea, dopo cena Nina si addormenta verso le 22, ed è qui che inizia il mio vero lavoro!!!

IMG_7228 2

B: Quale filosofia di vita cerchi di trasmettere attraverso i tuoi post e i tuoi articoli

M: Spero che dà i miei post venga fuori la mia personalità, cerco di essere piuttosto ironica e di avere un approccio molto “easy” verso la vita. Credo che i problemi e i malumori siamo due cose negative e difficili da evitare, ma soprattutto purtroppo sono sempre in agguato dietro l’angolo. Quindi cerco sempre di essere portatrice di buon umore e dell’allegria che vanno spesso a braccetto con la bellezza, peccato che benchè la bellezza sia  ovunque, molte persone non riescono a vederla”, è ciò che scrivo spesso sul mio blog.

IMG_5608

B: : Sweetlavanda (sweetlavanda.it), è il nome del tuo seguitissimo blog, come è nata questa idea e perché hai scelto un nome cosi romantico

M: Adoro la Lavanda, il suo profumo, i campi in fiore mi portano alla mente la Provenza. Ho arredato la mia casa sullo stile provenzale, mi piace il vivere country. E poi Sweet Lavanda suona così bene! Non trovi??!

B:  Sei una persona solare, sensibile e diretta, credi che ciò sia fondamentale per avere successo, o l’essere se stessi pensi che sia la strada più ardua da percorrere per ottenere ciò che si desidera

M: Si, non si può fingere di essere chi non siamo, se lo facessi verrei smascherata, e perderei di credibilità! La rete non perdona!!

IMG_6695
B: Come ha cambiato la tua vita l’arrivo di Nina e in cosa soprattutto

M: Un figlio ti cambia,cambia tutto. Le tue priorità magicamente si spostano in un altro ordine. Ti scopri una leonessa, vieni a conoscenza di lati del carattere che mai avresti conosciuto.
Sono curiosa di vivere questa nuova vita a tre.

B: cosa sognavi di diventare da piccola

M: Ah ha, ti faccio ridere, volevo fare l’Accademia Aeronautica a Forlì. DIVENTARE PILOTA!!!

B: Ti sposti molto per lavoro,  immagino tu abbia molti ricordi, qual’ è quello che ami di più e perchè

M: Sono molto sensibile, ogni viaggio mi lascia qualcosa. Sono un’osservatrice non tralascio i dettagli. Porto nel cuore pezzi di vita, attimi, ricordi che mi arricchiscono. Ogni persona nuova che ho conosciuto mi  ha arricchito. È il bello di questo lavoro. Sono felice di averti conosciuta Vanessa.

 B: quali sono i tuoi progetti futuri

M: Ho delle novità per il prossimo 2017-2018. Nuove idee e progetti in fase di elaborazione

IMG_5554

 

Grazie Marina per il bellissimo complimento che mi ha fatto arrossire, in effetti condivido con te che la ricchezza maggiore sta nel patrimonio dell’umanità in tutta la sua bellezza!!!

img_3803

 

BEBE’

PS: un bacio al bellissimo Zeno che corra felice nei prati azzurri!

 

 

Annunci

DO YOU KNOW MARINA DI GUARDO?

La vita è meravigliosa titolava un famoso film del 1946, ed io aggiungerei anche inaspettata ricca di sorprese e di incontri “fatali”, quegli incontri alchemici che non sai spiegarti, ma che tangibilmente si creano…. Questo è ciò che mi è accaduto quando ho conosciuto Marina di Guardo.

Recentemente mi trovavo a Milano in occasione della fiera Esxence dedicata al mondo delle fragranze, curiosando qua e là tra gli stand mi accorsi della presenza di una sala conferenze che proponeva un nutrito programma di appuntamenti per quella giornata. Un argomento su tutti solleticò la mia innata curiosità a causa del titolo che induceva ad una riflessione: “che profumo ha la tua scrittura”.

In quel preciso istante pensai appunto che profumo potesse avere la mia scrittura e quindi per riuscire a saperne di più non potei far altro che varcare la soglia, cosi feci.

Davanti ad un parterre cosi nutrito di scrittrici, tutte donne, non si poteva che rimanere incantati; cultura, passione, talento, personalità e bellezza erano il fil rouge che legava ognuna di esse, cosi come i loro racconti fatti di episodi di vita vissuta e di determinazione.

Una di esse in particolare mi colpì, ammetto che non avevo idea di chi potesse essere, ma i suoi modi eleganti, la sua dolcezza e il suo sorriso non potevano passare inosservati, Marina è tutto questo e molto di più….

_F2V5156 copia

B: Indubbiamente Marina è una bella donna, occhi luminosi azzurro cielo, elegante come poche donne sanno essere, forse anche grazie agli anni passati lavorando per Blumarine, ma soprattutto dolce e umile nonostante il successo. Siciliana di nascita ma cremonese di adozione, quali erano i tuoi desideri di gioventù, immaginavi già di diventare una nota scrittrice o ti vedevi proiettata nello showbiz della moda?

M: In realtà, già da bambina sognavo di diventare una scrittrice. Sono sempre stata dotata di grande immaginazione e nei lunghi viaggi verso la Sicilia con la mia famiglia immaginavo storie che mi astraessero dalla realtà. I paesaggi, i profumi, i colori che percepivo dai finestrini abbassati dell’auto mi ispiravano e mi raccontavano innumerevoli personaggi e vicende.

B: Madre di tre figlie femmine, separata come molte donne d’oggi purtroppo o per fortuna. Quali sono stati i sacrifici personali che hai dovuto affrontare per essere una madre fortemente presente come sei e allo stesso tempo donna determinata e di successo nel lavoro.

FullSizeRender-2 copia

M:Una volta separata, ho dovuto scegliere se andare a vivere a Milano o rimanere a Cremona. Le mie ragazze all’epoca erano abbastanza piccole e non volevano staccarsi dall’ambiente in cui erano cresciute. Ho scelto quindi di non sradicarle e rinunciare alle mie velleità di carriera. Questo mi ha molto penalizzato da un lato ma, in questo modo, ho potuto seguire meglio le mie figlie e realizzare il sogno di diventare scrittrice.

B: Raccontaci che tipo di madre sei e quali sono i valori per te più importanti che hai cercato di trasmettere alle tue ragazze

M: Sono una madre molto presente, a volte forse un pò rompiscatole. Voglio sempre essere al corrente di tutti gli spostamenti delle mie ragazze, della loro vita, dei loro problemi. A volte, loro si ribellano, ma alla fine credo siano contente della mia presenza costante. I valori che ho insegnato? La lealtà, la chiarezza, l’onestà. Per me non sono mai passati di moda

B: La famiglia Ferragni/Di Guardo è indubbiamente una famiglia famosa, composta da sole donne. Pensi che il potere delle donne sia forte anche ai giorni d’ oggi, nonostante gli innumerevoli episodi di violenza di cui ogni giorno sentiamo parlare?

M: Credo che oggigiorno le donne siano in grado di poter disporre della propria vita, grazie all’indipendenza economica che molte hanno raggiunto e alla consapevolezza di essere autonome e in grado di poter decidere. Forse, è proprio per questo che alcuni uomini si sentono minacciati e reagiscono nel modo plateale e aberrante che apprendiamo ogni giorno dai giornali e dai notiziari.

B: Ad un certo punto nella tua vita decidi di diventare una blogger di viaggi, seguendo a ruota tua figlia Chiara Ferragni (nota web influencer). Perché hai scelto di raccontare le tue avventure in giro per il mondo?

M: Ho aperto il mio travel blog qualche anno fa. Mi incuriosiva l’idea di raccontare i viaggi che avevo fatto e, essendo appassionata anche di fotografia, di pubblicare le foto dei luoghi visitati. Dopo essermi dedicata a tempo pieno alla scrittura, ho iniziato a trascurare il mio Thetravelpassion. Mi è dispiaciuto molto, ma ho deciso di dedicare tutto il mio tempo alla mia passione più grande: raccontare storie.

B: Nel 2012 le tue ragazze, oramai grandi, ti esortano a cimentarti nella scrittura e quindi a rispolverare quel sogno nel cassetto: scrivere un romanzo. Nasce così “l’inganno della seduzione”. Dall’ edizione di quel libro ad oggi, in cosa è cambiata Marina Di Guardo come donna e come scrittrice.

_DSC6550b

M: Quando ho ricevuto la mail di Nulla Die, una piccola casa editrice indipendente che mi confermava l’interesse per il mio manoscritto, ero felicissima. Quello era il primo passo verso la possibile realizzazione di un sogno. Da allora, ho imparato e cerco di imparare sempre di più ogni giorno.

B: Due delle tue tre figlie sono personaggi pubblici famosi, Chiara e Valentina. Chiara senza ombra di dubbio ha fatto da apripista alla sorella che sta comunque raggiungendo il successo. Vederle continuamente sui social e sulle riviste patinate, sempre sotto gli sguardi di milioni di fans, come ti ha fatto sentire e quali preoccupazioni ha destato in te questo clamore.

M: Chiara e Valentina stanno facendo carriera, realizzando ognuna i propri progetti e questo mi basta. Sono adulte e in grado di gestirsi da sole. Per me, l’aspetto più importante.

B: Torniamo ai tuoi libri. Come nasce in te l’idea di un romanzo e quando decidi che è arrivato il momento di scriverlo.

M: Comincio a sentirmi ispirata da un luogo, da un’atmosfera. Pian piano si fanno strada dentro di me i personaggi e le loro caratteristiche, positive e negative. Quindi, penso al senso della storia che voglio raccontare e a un finale che faccia quadrare tutto, lasciando il lettore senza fiato.

B: Ad una neofita come me che sogna un giorno di scrivere una storia appassionante, quali consigli daresti e soprattutto quali sono secondo te gli errori comuni che si fanno e che andrebbero evitati durante la stesura di un romanzo.

M:Si potrebbe iniziare da questi tre importanti capisaldi: avere ben chiara dentro di sé la storia che si vuole raccontare, non essere noiosi e prolissi e mettersi nei panni del lettore.

B: Dove e come ti vedi fra 10 anni

M: Oddio, non voglio pensarci! Non essendo una ragazzina già adesso, non mi fa molto piacere pensarmi fra dieci anni. Spero solo di essere in un luogo piacevole e con un buon clima, entusiasta della vita e con tanti progetti da portare avanti.

B: Ad una donna affascinante e di successo come te, non posso evitare di chiedere quale importanza dai alla bellezza e che quale significato ha secondo te nella società moderna

M: Grazie per le tue affermazioni, te ne sono grata! Certo, la bellezza può essere un vantaggio, ma anche una maledizione. Non bisogna approfittarne, dando per scontato che ogni occasione arrivi con più facilità solo perché si è dotati di un aspetto piacevole. Come per chiunque, i risultati devono arrivare con la fatica e l’impegno.

B: Sei in tournée in giro per l’Italia per la presentazione del tu ultimo romanzo “Come è giusto che sia”, un noir che parla anche di violenza sulle donne. Come descrivi questo libro e quale messaggio hai voluto trasmettere ai lettori.

M: E’ un libro duro, che non fa sconti, avvincente, ricco di suspence, ma anche di spunti di riflessione. Una storia dedicata a tutte le donne ma che non tralascia di intrigare anche i miei lettori di sesso maschile. E di questo non posso che esserne contenta.

B: Cosa ama fare Marina nel suo tempo libero

M: Amo leggere, passeggiare, e fare sport.

FullSizeRender copia 2

B: Per terminare, se tu fossi un libro che storia vorresti raccontare

M: La storia di una bambina molto sensibile e insicura che da adulta non smette di esserlo, ma che non rinuncia ad affrontare le proprie paure.

Lascio i dolcissimi occhi di Marina che rivedrò presto, a Maggio in occasione di una serata speciale a Lugano… che vi racconterò!

To be continued

Bebè

Questo slideshow richiede JavaScript.

” Marmo & Convitto” afther….

Si è concluso con successo e nutrita partecipazione l’ evento “Marmo & Convitto”,  un viaggio polisensoriale alla scoperta del territorio Apuano e delle sue eccellenze, protagonista assoluto della serata il MARMO, prezioso materiale di cui le Alpi Apuane sono custodi.

Ospiti della serata alcuni nomi eccellenti del territorio: Chicco Chiari scultore, con le sue opere iconiche dedicate agli anni 80′ come  Packman, il fantasmino del gioco elettronico popolare in quegli anni (www.chiccochiari.it), Riccardo Nicolai autore del libro “Ali Piccinin” che racconta le gesta  di Ali, cittadino Massese, che divenne  pascià di Algeri (https://www.facebook.com/ricalb.nicolai?fref=ts) e Marco Mariani chef (://www.facebook.com/marco.mariani.9026?fref=tse) che ha deliziato i partecipanti con creazioni culinarie ideate utilizzando materie prime locali,  come il famoso Lardo Di Colonnata, salume che vede la sua “maturazione” in apposite conche di marmo.

Per concludere, presentati e descritti da Vanessa Parducci (che sarei io :-), i  Profumi del Marmo, cinque inebrianti fragranze eau de parfum unisex, ciascuna dedicata ad una tipologia di marmo: Calacatta, l’ essenza delle giornate estive, gelsomino, fiori di pesco e viola, Statuario, il più puro e limpido dei marmi, che racchiude un cuore di agrumi, Arabescato dalle note esotiche di ambra e miele o ancora il sofisticato Bianco Carrara, con le note di zafferano e ginger per  poi terminare con il più prezioso e raffinato dei marmi, il Portoro caratterizzato dall’ ambra grigia,  legni ed il patchouly.

Ogni confezione di fragranza è impreziosita da un cabochon di marmo, da cui il nome, una vera e propria scultura di design, uno scrigno prezioso che racchiude una profumazione unica creata da uno dei più famosi nasi al mondo: Arturetto Landi.

Il mix tra cultura e food  ha avuto luogo in uno dei più antichi locali della cittadina, situato nel centro storico di Massa, il Convitto ristorante (www.convitto.eu). In un ambiente elegantemente  retrò, circondati da abiti e accessori firmati dai più importanti stilisti di moda ed immersi in un  arredamento radical chic, gli ospiti hanno potuto godere della serata respirando un atmosfera piacevole e ricca di contenuti.

Ringrazio tutti coloro che hanno partecipato alla serata, ma soprattutto ringrazio i miei “compagni di avventure” Chicco, Riccardo, Sabrina e Maurizio, senza i quali tutto ciò non sarebbe stato possibile.

Bebè

Questo slideshow richiede JavaScript.

SKIN ART By Francesco La Rosa

Voi tutti ricorderete la mia prima intervista, oramai risale al Novembre di due anni fa, dedicata ad un personaggio famoso nel panorama cinematografico, direi il “re “del product placement, della grande Hollywood: Oscar Generale. (https://bebecherie.wordpress.com/2016/01/07/hollywood-ed-il-suooscar/).

1           2

Con Oscar è stato un “colpo di fulmine” professionale, me ne sono “innamorata” subito, la sua gentilezza e la sua umiltà, virtù ormai rare specialmente nello scintillante mondo cinematografico, mi hanno piacevolmente colpito e messo a mio agio anche durante l’ intervista.

Sebbene davanti a me avessi il manager di alcuni degli attori più importanti dello showbiz statunitense come John Travolta, Milla Jovovich, Gerard Butler, Bruce Willis e tanti altri, nonché il il marito di una splendida donna che da poco la reso papà Denny Mendez ex Miss Italia, Oscar è sempre stato coerente con se stesso come del resto ama descriversi: una persona che nonostante il successo non ha mai dimenticato la sua gavetta e le sue origini.

Il rapporto con Oscar è stato subito diretto, semplice, vero, tanto che poco tempo fa mi ha contattato per propormi un ulteriore intervista, questa volta dedicata ad un artista che non è legato direttamente al mondo del cinema, ma che ha attirato ugualmente l’attenzione di Oscar tanto da diventarne il mecenate, si tratta di un artista unico al mondo, creatore di un arte a dir poco straordinaria.

Sono lusingata di farvi conoscere, attraverso le parole e le immagini, Francesco La Rosa e la sua SKIN ART.

IO: Catania è la città che ti ha dato i natali, città della Sicilia conosciuta per la sua arte e la sua cultura.Un territorio difficile, tanto da spingere molti giovani della tua età a “migrare” verso paesi che offrono più opportunità e che sotto l’aspetto lavorativo risultano essere più competitivi. Attraverso la tua arte desideri affermarti nella tua “terra” o sogni di andare via ed esplorare nuovi orizzonti.

F: Amo l’Italia e la mia Sicilia, ringrazio questa meravigliosa terra per l’ispirazione che mi ha dato e per la cultura, l’arte e i valori che mi ha trasmesso, nonostante la dura realtà che si affronta in questo paese. Ammetto però, che da sempre sogno di viaggiare e di trasferirmi, non solo per avere più opportunità lavorative, ma soprattutto per avere modo di conoscere altre culture, altri modi di vedere l’arte e farmi ispirare da cose nuove, rimettere sempre, in qualche modo, in discussione il proprio modo, il proprio stile, ripartire da zero ed adottare prospettive diverse mettendole al servizio dell’arte. Esplorare i nuovi orizzonti è ciò che, secondo me, servirebbe ad ogni artista.
IO: Quale tipo di arte esprime Francesco La Rosa e come la si può definire

 F: La mia arte nasce come necessità di espressione del mio essere. È un’arte che ricerca la perfezione, ricca di dettagli, di giochi di ombre e luci, complicata. Mi definisco, per certi versi un foto realista, ma adoro anche dare sfogo alla mia creatività unendo ciò che è reale con ciò che non lo è (quello che esiste nella mia mente) cercando di mettere in pratica nuove idee, cose mai viste ed originali che siano in grado di stupire colui che osserva.

IO: La scelta del materiale utilizzato per le tue opere è inusuale poiché si tratta di disegnare su pelle. Come avviene la scelta della “tela”, scegli il materiale in base a ciò che vuoi realizzare o è il materiale che condiziona l’opera?

F: Entrambe. A volte mi capita di scegliere la pelle in base a ciò che ho in mente di realizzare, altre volte, invece, un tipo particolare di pelle, che mi colpisce, mi guida nella scelta del soggetto da rappresentare. Comunque, in entrambi i casi, sono molto meticoloso nella scelta del materiale, dev’essere pelle pregiata, perfetta, pulita.

IO: L’ arma bianca è il tuo “pennello”, la tua passione per i coltelli da dove nasce e cosa ti affascina di questo strumento spesso visto solo come un arma contundente.

F: Ricordo che da piccolo guardavo le vetrine con i coltelli esposti col desiderio di poterne possedere uno.
Crescendo, quel desiderio è diventato una passione vera e propria che mi ha spinto a diventare quasi un collezionista. Mi sono sempre piaciuti i coltelli, in particolare, quelli multiuso, perché sono complicati, pieni di lame e utensili diversi con cui puoi fare praticamente di tutto. Ciò che mi ha sempre affascinato di più di questa tipologia di arma,  è il riflesso della lama, la lucentezza dell’acciaio tagliente. Poterli utilizzare ogni giorno per creare le mie opere mi rende davvero felice.

IO: Il creare un’opera direttamente su di un materiale cosi complesso come la pelle non da margine di errore, non permette di cancellare ne di modificare, con quale tecnica limiti questa possibilità?

 F: Non faccio nessuno schizzo o linee guida; usando un materiale così difficile e particolare non mi è permesso  abbozzare qualcosa. Semplicemente, prima di cominciare ogni quadro conduco uno studio maniacale sui dettagli del soggetto che devo rappresentare, in modo da avere quella sicurezza che mi fa ridurre il rischio di sbagliare e portarlo quasi a zero. Dopodiché, mi affido prettamente al mio istinto, ai miei occhi e alle mie mani.
IO: Come avviene l’incisione e come realizzi il disegno, ma soprattutto quanto tempo impieghi per terminarlo

 F: Come ho già detto, non mi è permesso dal materiale che uso di fare schizzi o bozze come puoi fare facilmente su una tela. Quindi, pulisco bene i miei coltelli e comincio, senza esitare, ad incidere la pelle al millimetro, calcolando a mente ogni dettaglio man mano che l’opera va sviluppandosi.
Per quanto riguarda il tempo, dipende dal soggetto e dalle dimensioni. In genere, per quelli di media grandezza impego 3-4 giorni, mentre per quelli di dimensioni maggiori 2 settimane circa. Cerco di avvantaggiarmi e ridurre i tempi usando entrambe le mani, anche contemporaneamente, nonostante io sia di natura prevalentemente mancino.
Lavoro, comunque, 8-10 ore al giorno mettendo tutto me stesso in ogni opera e cercando ogni volta di superare i miei limiti.
IO: Animali o portrait di grandi dimensioni, perché scegliere questo tipo di arte da esibire nella propria casa e a quale tipologia di clientela si rivolge

F: Penso che animali e ritratti siano i soggetti più amati, soprattutto se di grandi dimensioni. Sono entrambi difficili, complessi da realizzare, ti fanno subito pensare “ma come diamine avrà fatto a realizzarlo in maniera così realistica?”
Gli animali esprimono maestosità, bellezza, perfezione, istinto, selvaggità e questo affascina molto l’essere umano. D’altro canto, i volti sono pieni di dettagli che rapiscono, come le ombre, le luci, le espressioni, le rughe, la grana della pelle e la luminosità degli occhi. È davvero difficile realizzarli ma la pelle mi permette di fare mille sfumature e di riuscire nell’intento.
La mia arte è rivolta ad un élite di persone, ai collezionisti, agli amanti veri dell’arte, a coloro che cercano qualcosa di diverso ed innovativo, ad esempio alle star di Hollywood che, come tutti noi, amano tanto farsi ritrarre.

IO: Credi che per “indossare” un tuo disegno una casa debba avere particolari caratteristiche in termini di arredamento, o ben si adatta a tutti gli stili

F: Essendo una tecnica ed un materiale molto ricercati e particolari, credo che le mie opere abbiano bisogno di essere esposte in ambienti altrettanto ricercati, con elementi che richiamino e che siano, in qualche modo, in linea con la pelle stessa. Un mio quadro lo vedo bene in una casa con elementi e materiali di lusso, come lo è la pelle che utilizzo.
IO: Direi che il tuo modo di realizzare i tuoi disegni è unico, com è nato e come hai imparato

 F: La scintilla che ha acceso la mia ispirazione e che mi ha portato a creare le mie opere capitò quando mi commissionarono un lavoro: dovevo fare un’incisione su un album di pelle e non avevo gli strumenti giusti per farlo; allora ho usai l’ingegno e gli strumenti che avevo a disposizione: bisturi e coltelli, per l’appunto. Da lì, ho pensato “perché non creare dei quadri di pelle?” ed ho cominciato ad allenarmi, a sperimentare, concentrandomi sul risultato che volevo ottenere. Ed eccomi qui.

IO: Oscar Generale, agente delle più famose stars di Hollywood è il tuo mecenate, come è avvenuto il vostro incontro e quali opportunità ti ha creato

F: È avvenuto per caso, quando si dice “trovarsi nel posto giusto al momento giusto”.
Era un periodo strano della mia vita, non ero sicuro che sarei riuscito a diventare quello che volevo, c’erano davvero poche opportunità. Conoscere Oscar  in quel momento credo proprio che mi abbia cambiato la vita. Grazie a lui sto avendo possibilità che mai mi sarei sognato di toccare con mano, la possibilità di farmi conoscere dal mondo intero, di mostrare ciò che faccio e che so fare a tutti, essere in contatto con persone famose ed irraggiungibili che avevo visto solo nei film. Sto davvero vivendo un sogno e lo devo a lui, non potevo desiderare di meglio.
IO: Ogni forma d’ arte, per quanto soggettiva, è legata indubbiamente al concetto di bellezza. Cos è per te la bellezza e come la definiresti

F: La bellezza è perfezione, quella bellezza oggettiva che non puoi negare, quella che ti riempie di emozioni e ti lascia a bocca aperta, senza fiato.

IO: Chi è Francesco La Rosa e quali sono i suoi progetti futuri

F:  Sono un artista che si è formato da solo, che vuole vivere della sua passione ed esprimersi con essa. Il mio obiettivo adesso è quello di farmi conoscere dal mondo, far conoscere la mia arte, esibire le mie opere in tantissime mostre e far vedere quello che so fare.
Per il futuro ho di certo molti progetti, molti ancora da definire. Mi limito a dire che mi piacerebbe molto vedere un mio quadro all’interno di un set cinematografico, utilizzato come facente parte della scenografia.
Il resto si vedrà nel tempo.

Ringrazio Francesco per avermi concesso questa interessante intervista e Oscar per la fiducia.

Bebè

Questo slideshow richiede JavaScript.


 

 




A Natale regala la bellezza di Beauty at Home

voucher

Salve a tutti!

Il Natale si avvicina e il panico regali sale… Non preoccupatevi vi aiuto io!

Stai cercando un regalo per una maniaca del make up? Oppure per una donna appassionata di cosmetica? Allora non puoi far altro che regalare un Voucher firmato Beauty at Home!

Un regalo originale, personalizzato e unico, per le persone che ami e per chi è appassionato di bellezza, infatti i Voucher Beauty at Home ti permettono di regalare trattamenti unici come: una seduta make up, una consulenza cosmetica oppure un make up per le grandi occasioni ed il tutto comodamente a casa tua o della persona a cui lo regali!

Quindi cosa stai aspettando, contattami e regala un Natale in Bellezza!

Bebè