L’ imperatrice della bellezza


“Non esistono donne brutte ma solo pigre!”, “Per la bellezza della pelle è la luminosità che conta”, questo era ciò che affermava una delle donne pioniere in campo cosmetico, colei che per prima inventò il concetto di beautè, inteso come gestuelle e rituale di bellezza, colei che varcò i confini della Polonia e arrivò fino in Australia per muovere i primi passi verso il successo: Helena Rubinstein. Storia della Bellezza

download (f)

Helena, il cui vero nome era Chaja, nasce a Cracovia nel 1870 da una famiglia ebrea, è la prima di otto sorelle che la seguiranno durante la sua crescita in campo cosmetico aiutandola nella gestione dei saloni di bellezza.
Una vera e propria donna moderna, indipendente e sicura di se, con un infallibile fiuto per gli affari.
Fu proprio questo a spingerla oltre la terra natia fino in Australia dove vi approdò alla giovane età di 24 anni. Una valigia piena di sogni ma soprattutto di vasetti di crema, formulatale dal farmacista di famiglia, che utilizzava per proteggersi dal freddo. Helena aveva una pelle bellissima, diafana e trasparente, al contrario delle donne Australiane che vivendo sotto il sole presentavano innegabili segni di invecchiamento.
Grazie a questa circostanza Helena contattò il farmacista di famiglia per conoscere la composizione della crema da lei utilizzata, Lanolina ed erbe erano gli ingredienti del prodotto che Helena battezzò Valaze. Decise di commercializzare la crema le cui vendite la fecero diventare ricca, tanto da poterle permetterle di investire il danaro guadagnato ed intraprendere la strada che la portò al successo. La sua audacia, la sua forza e la sua determinazione si palesarono per la prima volta quando coniò lo slogan per della sua prima campagna pubblicitaria, era il 1904, per la prima volta sulla stampa australiana comparve la scritta: “Beauty is Power”!
Forte dell’esperienza australiana, Helena decise di tornare in Europa prima di ripartire verso gli Stati Uniti che la consacrarono “l’imperatrice della bellezza”. Fu a Londra, Parigi ed in altre capitali europee che aprì le prime maison de beautè dove si insegnava alle donne ad essere più belle, a muoversi con eleganza, a truccarsi e ad avere comportamenti da nobildonna.

images (40)
Ma fu appunto negli Stati Uniti che fondò l’impero che oggi conosciamo, l’impero Helena Rubinstein, era il 1900 quando in Fifth Avenue creò una Spa con all’ interno un ristorante ed una palestra. In seguito, avvalendosi della collaborazione di alcuni scienziati, Helena creò la prima crema solare per proteggere la pelle dal foto-invecchiamento, ma non solo, dobbiamo a lei la classificazione delle varie tipologie di pelle, mista, grassa, secca; sempre a lei dobbiamo l’invenzione del mascara che poi confezionò in tubetto, esattamente come quello che utilizziamo oggi. La sua creatività ed il suo essere all’ avanguardia la portarono a capire che il mascara, prodotto di punta del make up, doveva resistere alle lacrime ed all’acqua, fu così che fece formulare la versione Waterproof del prodotto e lo fece per le nuotatrici del balletto acquatico che parteciparono alla fiera internazionale di New York nel 1939.

images (39)

La Rubinstein fu senza dubbio pioniera, ma non solo in campo cosmetico, anche in quello privato. Carattere forte e determinato, non si lasciava intimidire ne accettava dinieghi, amava indossare gioielli preziosi in grandi quantità, era amante dell’arte, in particolare di Mirò, Matisse, Frida Kahlo e Picasso al quale fece un incessante ed estenuante “corte” per ottenere un ritratto, mentre a Salvador D’ Ali commissionò un prezioso portacipria.
Senza dubbio,la Rubintein,fu una delle prime mecenati dell’arte moderna europea, capace di controvertire le regole e di sposarsi due volte, persino con un marito più giovane di 20 anni.
Antesignana nel comprendere che la medicina e l’estetica avrebbero compiuto grandi passi insieme, si avvalse di famosi medici dell’epoca per mettere appunto tecniche moderne come il peeling, stiamo parlando della fine della prima guerra mondiale, tecnica che tutt’ oggi ha un importanza fondamentale per la cura quotidiana della nostra pelle. Lavorò a fianco di chirurghi plastici e di dermatologi internazionali che la ispirarono nella creazione delle maschere curative per il viso, le prime ad avere come forma di applicazione una garza di cotone perfettamente aderente al volto e tanto pratica nell’ applicazione da non impedire alcun movimento.

Helena crea i primi rossetti per le labbra in tubo e le prime polveri per correggere l’ incarnato, in America e più precisamente a New York, Helena si piega ai voleri del commercio dell’ epoca che vedeva crescere i grandi magazzini, accettò quindi di distribuire al loro interno i suoi prodotti, fino ad ora utilizzati solo nei suoi saloni di bellezza, ma anche li ebbe la meglio e pretese, durante la fase contrattuale, che chiunque dovesse vendere o commercializzare  i suoi prodotti era obbligato a frequentare corsi di formazione della durata di sei mesi. Nel 1923 i suoi prodotti in listino ammontano ad ottanta, molti di più quelli dedicati ai prodotti make up, crea anche prodotti snellenti ed anti cellulite. La “sua” cosmetica fu creata per donne indipendentemente dal loro ceto sociale, per renderle più belle e più sicure di se come era Helena stessa.
Con l’avvento della seconda guerra mondiale, la Rubinstein vede crollare il suo impero in Europa, tutte le sue maison de beautè vengono distrutte, ma nonostante l’età avanzata, non si dà per vinta e decide di ricostruire tutto il suo impero, era il 1945.  Il mercato, quindi le donne, non tardarono nel rispondere con entusiasmo ed a contribuire all’ incremento delle vendite dei suoi prodotti, questo permise ad Helena di investire nuovamente in scoperte ed invenzioni. Creò la linea Deep Cleanser per la pulizia quotidiana del viso, per poi passare alle prime creme rassodanti e leviganti, ma fu nel ’54 che formulò la prima crema con aggiunta di vitamine.

Nel 1989 l’impero HR viene acquisito dalla multinazionale L’ Oreal che ne fa il fiore all’ occhiello della cosmetica di Lusso, testimonial più famosa della maison ricordiamo nel 2006 Demi Moore, donna matura e moderna, ideale per incarnare lo spirito della maison.

images (34)
Dobbiamo ad Helena Rubinstein, donna coraggiosa ed intraprendente la possibilità di avere oggi, prodotti cosmetici e make up per mantenerci giovani più a lungo, grazie Helena!

FullSizeRender (1)

Annunci

4 pensieri su “L’ imperatrice della bellezza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...